Johnny intervistato da 105.1 The Blaze

Johnny è stato raggiunto telefonicamente dalla stazione radio 105.1 The Blaze durante il programma Morning Blaze.
JC racconta di come scelgano le band con cui esibirsi; solitamente è il management a proporgli un po’ di band e loro scelgono quelle che li aggradano di più. Ammette poi che non ha particolari rituali prima di salire sul palco, ma fa sempre le stesse cose per scaramanzia.
Si parla poi della longevità della band che ormai ha raggiunto quasi i 20 anni di attività; il segreto è rimanere sempre complici in quello che fanno, è tutto surreale e fantastico allo stesso tempo. Tengono sempre ben impresso dove vogliono arrivare e si concentrano per fare in modo che succeda, evitando problemi.
Si parla poi di God Damn che, nel contesto dei temi di The Stage, si discosta dalle altre canzoni ma che emana una carica pazzesca; si parla anche delle riprese del video che sono state fatte proprio nel giorno in cui è diventato padre e che quindi hanno festeggiato l’evento alla fine delle riprese.
Gli viene chiesto come si sente quando vede ragazzi con i tatuaggi dedicati alla band e ammette di rimanere sempre colpito dall’amore e dalla dedizione che le persone hanno verso questa band, trova che sia fantastico. L’intervistatrice gli fa notare che probabilmente per questi ragazzi gli Avenged Sevenfold sono la loro band preferita, che la loro vita è “segnata” dalla loro musica e quindi inevitabilmente si parla di quale band ha avuto lo stesso impatto su Johnny da ragazzino: i Metallica, la stessa band con cui suoneranno nei prossimi giorni, la prima band che ha visto live a soli 11 anni. Non avrebbe mai immaginato all’epoca che avrebbe diviso il palco con loro.
Parlando ancora di fans viene chiesto a JC quale sia la parte del corpo più strana che qualcuno gli ha chiesto di autografargli, ma per quanto gli sembri strano già che qualcuno voglia il suo nome addosso dice che non gli è mai capitato nulla di troppo strano. Specifica solo che non ha mai fatto autografi su bambini e che neanche gli altri della band hanno mai accettato di farlo.
Potete ascoltare tutta l’intervista qui:

giada

Rispondi