Supporto: street team & e-team

supporto

Fino ad alcuni anni fa questa band era pressoché sconosciuta in Italia, internet non era diffuso ed avanzato come al giorno d’oggi e “reclutare” nuovi fan era davvero “una faticaccia” sia per noi che per quelle poche persone che già seguivano la band. Fu questo uno dei motivi per cui oltre a creare una fanbase su internet in cui le persone potessero ritrovarsi, sentimmo l’esigenza di darci da fare con lo street team per avvicinare e interessare quante più persone verso gli A7X.

Da sempre abbiamo stabilito che esistevano solo 3 modi per aiutare concretamente questa band, per supportarla e farla crescere:

  1. Comprare dischi, merch ufficiale ed andare ai loro concerti per portarli in Italia,
  2. Fare quanto più E-team fosse possibile, ovvero il lavoro di votarli ovunque e spammarli per pubblicizzarli via internet,
  3. Organizzare giornate e giornate di classico street team, consegnando a mano volantini per farli conoscere a nuova gente.


Il vecchio metodo per far conoscere la band: lo street team.

Lo Street Team fino al 2011/2012 era un modo divertente per distribuire volantini per sostenere e far conoscere ad altri il proprio gruppo preferito.
C’erano poche regole base per chiunque volesse partecipare: i volantini andavano distribuiti in concerti, feste o serate rock, in negozi di cd, nei locali rock, pub, all’uscita da scuola. Il metodo più utile e intelligente era la distribuzione in luoghi tendenzialmente frequentati da potenziali amanti del genere a cui consegnare a mano i volantini.
Fare un buon volantinaggio, però, significava anche non lasciare i volantini nei posti sbagliati: ad esempio evitare assolutamente di appiccicare i volantini sui muri di qualsiasi città, su qualsiasi monumento, su qualsiasi mezzo di trasporto.
Perchè? Perchè qualsiasi sia la loro condizione, deturpare la città o la proprietà altrui è un reato, che poteva e può tutt’ora venir punito con tanto di multa ed implicazione legale per voi, per la casa discografica e per la band stessa. Sono da considerarsi elementi inclusi nella lista di oggetti da evitare anche cassonetti dell’immondizia e pali di qualsiasi genere (anche se hanno già dei volantini sopra). Ad oggi ormai il lavoro di street team è considerato obsoleto nell’era di internet, ma ci sono occasioni in cui alcuni volantini vengono comunque lasciati in negozi di musica, specialmente per informare dell’uscita di dischi o di nuove date italiane programmate.
Ogni street-teamer poteva decidere se lavorare da solo o in team con altri fans della propria città. Partecipare in gruppo non è mai stato obbligatorio ma era un’ottima occasione per dividere la propria passione con altre persone, rendere ancora più divertente la giornata e fare nuove amicizie con cui poi andare ai concerti.
L’A7X Italia si è sempre impegnata a fornire consigli e volantini digitali per chi voleva partecipare, quantità delle copie ed impegno erano sempre soggettive ma ci hanno dato davvero una grande mano a creare la nostra base salda di fandom.

 


Utilizzare le (allora poverissime) connessioni internet per votare la band: l’e-team

L’E-Team (electronic team) è il metodo più semplice e funzionale per supportare la band comodamente da casa utilizzando i propri dispositivi con accesso a internet. Ormai questo è l’unico metodo utilizzato ai giorni nostri perchè con i social è facile invitare a votare la band se serve o far condividere notizie importanti a tutti i fan. All’epoca non era sempre molto facile riuscire a votare centinaia di volte per gli A7X nelle categorie in cui erano candidati come lo è oggi, ma abbiamo sempre cercato di fare del nostro meglio.
Chiunque può contribuire con un semplice click a favore della band; può farlo ormai come e quando vuole, scegliendo anche in cosa votarli ed in cosa no.
Il nostro consiglio principale è quello di seguire tutti i nostri profili per rimanere aggiornato sulle call to action verso il fandom: spesso ci sono fanzine e testate musicali che invitano i fan a votare per i loro musicisti preferiti e fargli portare a casa dei premi. Questa è la vera essenza di questo tipo di supporto.



Comprare materiale ufficiale della band: 

Fare musica è il mestiere di queste persone perciò se davvero si apprezza il loro lavoro il minimo che si possa fare è pagarli per quello che fanno. Come? Comprando i loro dischi (che sia un disco fisico o digitale), comprando il loro merchandise ufficiale (dai loro store o da siti affidabili come Emp Italia) ma soprattutto andando a vederli in concerto quando passano in Italia. Organizzazione di un concerto in Italia e numero di copie vendute dei loro dischi sono due cose strettamente collegate: nei paesi in cui la band “vende bene” si organizzano concerti, in quelli in cui i dati sono scarsi… beh la band non va. Semplice no?
Non si tratta quindi solo di rispetto verso i musicisti che apprezziamo ma anche di interesse personale: se non si comprano i loro dischi, non si vedono suonare in Italia.



Gli street-team del passato:

Fino a qualche anno fa era premura dell’A7X Italia organizzare giornate di street team in giro per tutta l’Italia per promuovere la band, dischi o concerti programmati. Negli anni siamo riusciti a raccogliere un po’ di foto che ad oggi sono ricordi davvero belli dei nostri primi anni di attività. Eccole per voi:

Street Team